Apple ricattata dagli hacker: paga $75000 o attacchiamo gli iPhone

  • Pubblicato: 22/03/2017
Apple ricattata dagli hacker: paga $75000 o attacchiamo gli iPhone

 Un gruppo di hacker, che si fa chiamare Turkish Crime Family, ha recentemente preso di mira Apple, chiedendo il pagamento di un riscatto di 75,000 dollari in Bitcoin Ethereum - un'altra criptovaluta - o di 100,000 dollari in carte regalo iTunes. Ad essere in ostaggio sono i dati personali degli iPhone e iCloud, acquisiti in maniera illecita dagli hacker.

Se Apple non pagherà il riscatto, gli hacker procederanno al wipe in remoto degli iPhone e degli account iCloud compromessi. Questo, quanto meno è ciò che affermano.

Uno dei membri del gruppo ha rilasciato la seguente dichiarazione al sito Motherboard:

 

Voglio solo i miei soldi ed ho pensato che questo sarebbe un report interessante che molti clienti Apple sarebbero interessati a leggere e ad ascoltare

Gli hacker hanno catturato l'attenzione dei media, fornendo a Motherboard gli screenshot che testimoniano lo scambio di mail con gli esperti di sicurezza di Apple, uno dei quali avrebbe espressamente chiesto: Siete disposti a condividere un campione dei dati?

Detto fatto. Gli hacker hanno pubblicato su YouTube un filmato che mostra le operazioni di login in alcuni degli account sottratti. Uno degli hacker ha dimostrato di avere accesso all'account iCloud di una donna - foto memorizzate e possibilità di effettuare il wipe in remoto comprese. Il filmato è stato rimosso su richiesta di un membro del team di sicurezza di Apple...

 

Chiediamo innanzitutto di rimuovere cortesemente il video che hai caricato sul tuo canale YouTube, in cerca di attenzione indesiderata

.... l'esperto di sicurezza della casa di Cupertino ha poi chiuso la vicenda con un secco rifiuto al pagamento del riscatto:

 

in secondo luogo, ti vorremmo far sapere che non premiamo i criminali per aver violato la legge

Quanto sarebbe esteso il database di cui gli hacker sarebbero entrati in possesso? oltre 300 milioni di account email Apple, compresi quelli degli utenti che utilizzano i domini @icloud e @me. Tuttavia, bisogna prendere questi dati con il beneficio del dubbio, perché si potrebbe semplicemente trattare di un semplice bluff - il numero potrebbe essere anche inferiore - e perché le dichiarazioni di altri membri del gruppo non appaiono altrettanto coerenti - un altro membro afferma che gli account compromessi ammonterebbero a 559 milioni.

Apple, per il momento, non ha commentato pubblicamente la vicenda.


  • hp
  • intel
  • dell
  • fujitsu
  • gigaset
  • synology
  • veeam
  • vmware
  • zyxel
-->